Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

// ... archivio

Formazione

RSS
21

Ciclo di seminari “InsanaMente/L’uomo, la società e i suoi vizi”

Corso InsanaMenteL’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici in partnership con il Centro Scuole Counseling e Psicoterapia ha organizzato il ciclo di seminari “InsanaMente/L’uomo, la società e i suoi vizi”.

Sabato 20 settembre 2014 (ore 10.00 – 13.00/14.30 – 17.30), si apre una prima serie di incontri di natura seminariale, aventi ad oggetto le tematiche dell’abuso, del plagio, della violenza agita su soggetti a rischio e delle forme di devianza giovanile, a partire dall’assunto secondo il quale la prevenzione e il contenimento delle condotte criminali richiedono lo studio dei fenomeni, delle aberrazioni socio-culturali che hanno contribuito a provocarle nonché l’elaborazione di idonee strategie in favore delle vittime.

Questo primo ciclo si articola in 5 moduli tematici, della durata di 6 ore ciascuno, per un monte ore complessivo pari a 30 ore. L’intero percorso formativo prevede 30 (trenta) crediti AssoCounseling (6 (sei) crediti AssoCounseling a modulo). Sono stati richiesti i crediti all’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Toscana.

L’iscrizione all’intero percorso formativo è di € 300,00. È possibile iscriversi anche ai singoli moduli, in questo caso il costo è di € 70,00 a seminario.

Per i soci di AssoCounseling O.N.A.P. e C.S.C.P., è previsto uno sconto del 10%.

Per le iscrizioni scaricare e compilare la scheda dal sito e inviarla, assieme al documento del bonifico, per Fax 055 – 26 48 389 oppure per posta a info@cscp.it

Da scaricare

Identità allo specchio. Giovani, media e modelli identitari devianti

Identita-allo-specchio_web_8_marzoL’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici (O.N.A.P.) in partnership con il Centro Scuole Counseling e Psicoterapia presentano il Seminario di Formazione e Aggiornamento Professionale in Counseling “Identità allo specchio. Giovani, media e modelli identitari devianti”. Il Seminario si terrà alle ore 9,00 alle ore 13,30, sabato 8 marzo 2014, in via Ricasoli, 7 – Firenze, presso la scuola C.S.C.P.

Il fascino del trasgressivo e la sottile suggestione del messaggio provocante, sessualizzato e adultizzante stanno dilagando così da determinare serie preoccupazioni in coloro che ancora credono in valori fino a ieri condivisi.

Questa “nuova” tendenza sembra contribuire non poco alla creazione di ulteriori conflitti e stati di disagio in giovani e meno giovani che spesso sperimentano solitudini moderne nate anche dalla irrefrenabile tecnologia.
Nella storia dei mass media, ciascuno ha detto la sua: istituzioni civili e non.

Eppure assistiamo ad un progressivo e ineluttabile sgretolamento etico/morale. Una valanga di messaggi senza regole che inonda tutti e che ha il sopravvento sulle nuove generazioni. Proprio all’interno di questo “ambiente multimediale”, i giovani di oggi acquisiscono la propria identità e definiscono il loro rapporto con la realtà, con l’altro, con se stessi. Come osserva Roberto Maragliano, “le nuove tecnologie della comunicazione non sono semplicemente macchine, ma apparati di coscienza, metafore di un nuovo regime mentale caratterizzato da contaminazione interattiva”.

È per questa ragione che il mondo degli adulti non può più assistere immobile, quasi paralizzato, alla rivoluzione in atto.

Il seminario è accreditato AssoCounseling e prevede 4 Crediti Formativi

L’incontro è gratuito, è richiesta la prenotazione mediante e-mail a info@cscp.it o telefonando allo 055/294670.

Da scaricare

Master Biennale in Exit Counseling

ExitL’Exit Counseling o counseling di svincolo, è una particolare specializzazione volta al supporto e recupero della persona da condizioni strutturate in cui si verifica, sistematicamente e consapevolmente, una manipolazione e un controllo mentale da parte di un leader. Questo particolare counselor oltre che ad accompagnare e sostenere le vittime e i loro familiari, indaga i sottili e subdoli meccanismi di riforma del pensiero, del controllo delle emozioni e del comportamento che stanno alla base della prassi dei condizionamenti mentali volti all’assoluta sudditanza ad un leader.

Il Master fornisce gli strumenti operativi utili per sostenere adeguatamente una relazione con individui, gruppi o famiglie che manifestano problemi emotivamente significativi legati al condizionamento mentale e alla sudditanza ad un leader. All’interno di tale contesto l’exit counselor potrà affrontare problematiche relative alla famiglia, alla coppia, al reinserimento sociale, all’apprendimento e al cambiamento.

Il Corso, accreditato AssoCounseling, verrà effettuato presso la scuola C.S.C.P. in via Ricasoli 7, Firenze.

Le Pre-iscrizioni, entro il 15 marzo 2014, si potranno effettuare attraverso la scheda allegata, seguendo le istruzioni contenute al suo interno.

Da scaricare

Seminario “Persuasioni Pericolose. Culti abusanti, manipolazione mentale e counseling”

Persuasioni Pericolose CounselingL’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici (O.N.A.P.) in partnership con il Centro Scuole Counseling e Psicoterapia, a grande richiesta, sono lieti di riproporre il Seminario di Formazione e Aggiornamento Professionale “Persuasioni Pericolose. Culti abusanti, manipolazione mentale e counseling”. L’incontro si terrà il 18 gennaio 2014, in via Ricasoli, 7 – Firenze, presso la scuola C.S.C.P.

Il Seminario intende indagare i sottili e subdoli meccanismi di riforma del pensiero, del controllo delle emozioni e del comportamento che stanno alla base della prassi dei “culti abusanti”, che procedono annullando le conoscenze dell’adepto per ricostruirne altre, conformi all’ideologia del leader.

Verranno affrontate le tecniche e le modalità in cui si verifica, sistematicamente e consapevolmente, una manipolazione e un controllo mentale da parte di un leader.

Il Seminario intende porre l’attenzione sulle implicazioni emotivamente significative legate al condizionamento mentale al fine di sensibilizzare i professionisti ad acquisire strumenti operativamente utili per sostenere adeguatamente una relazione con individui, gruppi o famiglie che manifestano problemi legati al condizionamento mentale e alla sudditanza ad un leader.

Il seminario è accreditato AssoCounseling e prevede 4 Crediti Formativi
 
L’incontro è gratuito, è richiesta la prenotazione mediante e-mail a info@cscp.it o telefonando allo 055/294670.

Da scaricare

Corso di Formazione ed Aggiornamento Professionale “Profili Criminali: culti distruttivi, simbologia e rituali”

Profili CriminaliL’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici (O.N.A.P.) in partnership con la Polizia di Stato ha organizzato il Corso di Formazione ed Aggiornamento Professionale “Profili Criminali: culti distruttivi, simbologia e rituali”, rivolto alla formazione del corpo di polizia della Questura di Bologna.

Il corso si svolgerà il 3-4-5 dicembre 2013, dalle ore 8.30 alle 13.30, presso la Questura di Bologna “Sala Petri”, via Bovi Campeggi, 13/3.

Attraverso l’azione formativa professionale, il Corso ha l’obiettivo di fornire una preparazione interdisciplinare volta all’acquisizione di competenze e strategie di intervento utili alla comprensione della criminogenesi e criminodinamica dell’evento reato all’interno di strutture gruppali deviate.

Le attività di approfondimento sono, così, proiettate verso i problemi della sicurezza urbana, in un ottica di difesa sociale.

Da scaricare

Seminario “Persuasioni Pericolose. Culti abusanti, manipolazione mentale e counseling”

Persuasioni Pericolose CounselingIl Seminario intende indagare i sottili e subdoli meccanismi di riforma del pensiero, del controllo delle emozioni e del comportamento che stanno alla base della prassi dei “culti abusanti”, che procedono annullando le conoscenze dell’adepto per ricostruirne altre, conformi all’ideologia del leader.

Verranno affrontate le tecniche e le modalità in cui si verifica, sistematicamente e consapevolmente, una manipolazione e un controllo mentale da parte di un leader.

Il Seminario intende porre l’attenzione sulle implicazioni emotivamente significative legate al condizionamento mentale al fine di sensibilizzare i professionisti ad acquisire strumenti operativamente utili per sostenere adeguatamente una relazione con individui, gruppi o famiglie che manifestano problemi legati al condizionamento mentale e alla sudditanza ad un leader.

Il seminario è accreditato AssoCounseling e prevede 4 Crediti Formativi
 
L’incontro è gratuito, è richiesta la prenotazione mediante e-mail a info@cscp.it o telefonando allo 055/294670.

Da scaricare

Corso di Formazione ed Aggiornamento Professionale “Criminalità Organizzata”

Criminalità OrganizzataL’Università degli Studi della Repubblica di San Marino ‑ Dipartimento di Studi Giuridici ‑ Centro Universitario di Formazione sulla Sicurezza (CUFS), in collaborazione con l’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici (O.N.A.P) e la Polizia di Stato ha organizzato il Corso di Formazione ed Aggiornamento Professionale “Criminalità Organizzata”, rivolto alla formazione del corpo di polizia della Questura di Bologna.

Il corso si svolgerà il 7-8-9- maggio 2013, dalle ore 8.30 alle 13.30, presso la Questura di Bologna “Sala Petri”, via Bovi Campeggi, 13/3.

Attraverso l’azione formativa professionale, il Corso ha l’obiettivo di fornire una preparazione interdisciplinare volta all’acquisizione di competenze e strategie di intervento utili alla comprensione della criminogenesi e criminodinamica dell’evento reato. Le attività di approfondimento sono, così, proiettate verso i problemi della sicurezza urbana e delle nuove tecnologie di sorveglianza, in un ottica di difesa sociale.

 Al Corso sono riconosciuti 3 CFU ed è valido per l’aggiornamento professionale

Da scaricare

Centro Universitario di Formazione sulla Sicurezza (RSM)

 L’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici (O.N.A.P.), è lieto di presentare il Centro Universitario di Formazione sulla Sicurezza (CUFS), che nasce nel 2010 in seno al Dipartimento di Studi Giuridici dell’Università degli Studi della Repubblica di San Marino, il quale, accanto alla trattazione delle tematiche più squisitamente giuridiche, ha voluto sviluppare un’area di eccellenza rivolta allo studio ed alla applicazione delle scienze criminologiche e forensi, della criminalistica e degli studi politologici e sociologici sulla insicurezza. L’interesse e l’esperienza del Dipartimento, in questa area disciplinare, si sono sviluppati negli anni, passando da un approccio incentrato prevalentemente sulla ricerca scientifica e sull’azione formativa ad uno più orientato alla applicazione pratica della disciplina e, quindi, alla risoluzione delle problematiche connesse alla “sicurezza”.

Questo è l’ambito in cui muove il CUFS. Il centro svolge le proprie attività mettendo al centro dei propri programmi la sicurezza, intesa nel suo senso più ampio, dalla security alla safety.

L’azione formativa, che annovera fra i suoi docenti anche membri O.N.A.P, e l’attività di ricerca sono, così, proiettate verso i problemi della sicurezza urbana e delle nuove tecnologie di sorveglianza, verso il sistema organizzativo e formativo delle forze di polizia e delle strutture ‑ formali ed informali ‑ di difesa sociale, verso le tecniche operative di polizia (polizia scientifica, giudiziaria e di prevenzione), verso la preparazione psicologica e culturale nell’uso delle armi, verso la criminalità informatica e quella economico-finanziaria, verso la sicurezza sul lavoro (anche da un punto di vista socio-sanitario) e l’“educazione” alla sicurezza, verso le questioni dell’abuso, del plagio, della violenza sui soggetti deboli, verso le forme di devianza giovanile.

Nascono così il corso di primo e secondo livello sulla Criminalità Informatica (I livello 12-13 ottobre; II livello 9-10 novembre 2012);  il ciclo di riflessioni intorno alla criminologia InsanaMente: l’uomo, la società e i sui vizi (inizio corso 25 novembre 2012), il programma di ricerca PoST ‑ Politiche della Sicurezza e Territorio ed il ciclo di conferenze Polizie a Confronto (25 ottobre 2012).

Da scaricare

Corso “Mediatore Professionista”

ConciliatoreL’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici e la Gef Consulting, Ente di Formazione abilitato a svolgere l’attività di formazione in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione, iscritto al n. 63 dell’Elenco degli Enti di Formazione istituito e tenuto ai sensi di legge dal Ministero della Giustizia, in collaborazione con la Concilium Italia, Organismo di Conciliazione abilitato a svolgere attività di mediazione, iscritto al n. 69 del Registro degli Organismi di Conciliazione istituito e tenuto ai sensi di legge dal medesimo Ministero, terranno a Empoli, a decorrere dal prossimo 2 marzo 2012, presso l’istituto “Misericordia di Empoli”, Via Cavour, 32 – Empoli, il primo Corso per Mediatori Professionisti.

La durata complessiva del corso, in ossequio alle vigenti prescrizioni di legge, è di 50 ore, suddivise in n. 6 incontri: 02/03/04 marzo; 09/10/11 marzo.

Il corso in oggetto è a numero chiuso (max. 30 pers.) ed il costo complessivo è di € 800,00 IVA esente, ex DPR 26 Ottobre 1972 n. 663, art. 10, per ciascun partecipante. Ricordiamo che, essendo il corso organizzato in collaborazione con Concilium Italia l’iscrizione all’Albo dei Conciliatori del predetto Organismo di Conciliazione a richiesta dell’interessato, sarà GRATUITA, nonché il Conciliatore sarà esonerato per sempre dal pagamento della quota annuale.

Inoltre, ai sensi del recente Decreto Ministeriale n.145/2011 del 6 Luglio 2011, i partecipanti avranno la possibilità di partecipare gratuitamente, in forma di tirocinio assistito, ad almeno 20 casi di mediazione presso le vari Sede Secondarie della “Concilium Italia” presenti sul territorio nazionale. Si fa presente che il possesso di tale certificazione costituisce uno dei requisiti obbligatori previsti dall’attuale normativa per l’espletamento delle funzioni di mediatore.

NEL COSTO DEL CORSO QUINDI È COMPRESO:

  • L’iscrizione gratuita (pari a € 500,00) all’Albo dei Conciliatori della “Concilium Italia”.
  • L’esenzione, per sempre, dal pagamento della quota annuale (pari a € 200,00).
  • Il tirocinio assistito, ad almeno 20 casi di mediazione presso le vari Sede Secondarie della “Concilium Italia” presenti sul territorio nazionale.

Corso “Exit Counseling”

Exit CounselingLa relazione che si instaura tra il counselor ed il proprio cliente è una relazione basata sull’accoglienza, l’ascolto, l’empatia, la disponibilità alla comprensione ed al sostegno. L’obiettivo che il rapporto di counseling si prefigge è infatti quello di trovare, attraverso la ricerca di una strategia, una strada per rendere possibili le scelte del cliente.

L’Exit Counseling o counseling di svincolo, è una particolare specializzazione volta al supporto e recupero della persona da condizioni strutturate in cui si verifica sistematicamente e consapevolmente una manipolazione e un controllo mentale da parte di un leader. Questo particolare counselor oltre che ad accompagnare e sostenere le vittime e i loro familiari, indaga i sottili e subdoli meccanismi di riforma del pensiero, del controllo delle emozioni e del comportamento che stanno alla base della prassi dei condizionamenti mentali volti all’assoluta sudditanza ad un leader.

Il corso fornisce gli strumenti operativi utili per sostenere adeguatamente una relazione con individui, gruppi o famiglie che manifestano problemi emotivamente significativi legati al condizionamento mentale e alla sudditanza ad un leader. All’interno di tale contesto il counselor potrà affrontare problematiche relative alla famiglia, alla coppia, al reinserimento sociale, all’apprendimento e al cambiamento.

La modalità didattica utilizzata nel percorso formativo è finalizzata a potenziare oltre al concetto di prestazione professionale, anche quello di competenza. Per questo molte delle ore saranno dedicate alle simulate, dove docenti e discenti si alterneranno nel ruolo di clienti e exit counselor. Una formazione-esperienziale dunque, erogata non solo attraverso la narrazione di contenuti teorici, ma in un clima di scambio interattivo che consente l’applicabilità concreta delle teorie esposte. Si propone dunque, un percorso didattico individualizzato, integrato dalla parte esperienziale, che crea ed utilizza una trasversalità delle informazioni e dei diversi saperi mediato da un sistema di apprendimento basato sulle risorse, competenze e professionalità acquisite in anni di esperienza da esperti del settore. Agli approfondimenti teorici, dunque, si affiancano role-playing, simulate, lezioni con l’ausilio di audiovisivi, supervisione di gruppo e personale, formazione sulle proprie dinamiche personali.

Al Corso possono accedere: Psicoterapeuti (medici o psicologi, ex art. 3, L. 56/89); Psicologi abilitati (Albo A) con esperienza professionale, minima, triennale certificata; Counselor che abbiano conseguito una formazione triennale presso una struttura formativa accreditata da Associazioni di categoria quali: AssoCounseling, S.I.Co., A.I.Co., A.N.Co.Re.

La frequenza del Corso è a numero chiuso (20 partecipanti). Qualora il numero delle domande sia superiore al numero dei posti disponibili, verrà operata una selezione sulla base della data della presentazione della domanda; nonché valutato il curriculum dei candidati e la selezione attraverso il colloquio individuale.

Il Corso, accreditato AssoCounseling (CERT-0050-2011), verrà effettuato presso la:

Misericordia di Empoli, Via Cavour, 32 – Empoli, FIRENZE

Le iscrizioni, entro il 31 dicembre, si potranno effettuare attraverso la scheda di iscrizione allegata, seguendo le istruzioni contenute al suo interno.

Corso “Operatore Professionale di Centro di Ascolto Socio-Religioso”

Operatore Professionale di Centro di AscoltoIl compito di un Operatore Professionale di Centro di Ascolto Socio-religioso è quello di instaurare, con la persona che si rivolge al Centro, una relazione basata sull’accoglienza, l’ascolto l’empatia, la disponibilità ed il sostegno. L’Operatore deve, quindi, possedere specifiche competenze relazionali nonché strumenti conoscitivi capaci di riconoscere lo stato di bisogno di un individuo, compreso quello relativo alla soggezione causata da relazioni di sudditanza strutturatasi all’interno di dinamiche manipolatorie perpetrate da leader di culti. Questo professionista deve saper riconoscere e affrontare il delicatissimo aspetto, di supporto e invio, legato alle vittime di abuso psicologico, nonché ai loro famigliari.

Il corso fornisce gli strumenti operativi utili per sostenere adeguatamente una relazione con individui, gruppi o famiglie che manifestano problemi emotivamente significativi legati al condizionamento mentale e alla sudditanza ad un leader.

La modalità didattica utilizzata nel percorso formativo è finalizzata a potenziare oltre al concetto di “prestazione” professionale, anche quello di competenza. Per questo molte delle ore saranno dedicate alle simulate, dove docenti e discenti si alterneranno nel ruolo di richiedenti e Operatori.  Una formazione-esperienziale dunque, erogata non solo attraverso la narrazione di contenuti teorici,  ma in un clima di scambio interattivo che consente l’applicabilità concreta delle teorie esposte. Si propone dunque, un percorso didattico individualizzato, integrato dalla parte esperienziale, che crea ed utilizza una trasversalità delle informazioni e dei diversi saperi mediato da un sistema di apprendimento basato sulle risorse, competenze e professionalità acquisite in anni di esperienza da esperti del settore. Agli approfondimenti teorici, dunque, si affiancano role-playing, simulate,  lezioni con l’ausilio di audiovisivi, supervisione di gruppo e personale, formazione sulle proprie dinamiche personali.

Il corso è aperto a tutti coloro che già lavorano nell’ambito sociale e nelle relazioni d’aiuto:  operatori di Centri di ascolto, responsabili di “Centri Giovani”, operatori del volontariato sociale, di comunità terapeutiche, insegnanti di ogni ordine e grado e a tutti coloro che abbiano un interesse professionale e personale nei confronti dell’ascolto e relazione con gli altri che siano in possesso di un diploma di scuola superiore o titolo equipollente (per equipollente si intende un titolo non uguale nella forma, ma nel valore intrinseco: è specifico di titoli di studio di Stati esteri).

La frequenza del Corso è a numero chiuso (20 partecipanti). Qualora il numero delle domande sia superiore al numero dei posti disponibili, verrà operata una selezione sulla base della data della presentazione della domanda; nonché valutato il curriculum dei candidati e la selezione attraverso il colloquio individuale.

Il Corso verrà effettuato presso la: Misericordia di Empoli, Via Cavour, 32 – Empoli, FIRENZE

Le iscrizioni, entro il 31 dicembre, si potranno effettuare attraverso la scheda di iscrizione allegata, seguendo le istruzioni contenute al suo interno.

Corso “Giovani, Criminalità e Devianza: Analisi psico-sociale e forense”

Giovani e Criminalità Il Corso Alta Formazione Interdisciplinare “GIOVANI, CRIMINALITÀ E DEVIANZA. Analisi psico-sociale e forense”, verrà effettuato in tre diverse sedi dislocate sul territorio nazionale:

Comune di Jesolo, Sala Rappresentanza, Via S. Antonio,11 – Jesolo, VENEZIA;

Misericordia di Empoli, Via Cavour, 32 – Empoli, FIRENZE;

Università di Castel Sant’Angelo, Corso Vittorio Emanuele II, 217 – ROMA.

I corsisti potranno scegliere la loro sede del Corso. Le date di inizio Corso, di ciascuna sede, sono elencate nel QUADRO SINOTTICO DEI MODULI del programma.

Attraverso una formazione/aggiornamento professionale, il Corso di Alta Formazione ha l’obiettivo di fornire una preparazione interdisciplinare volta all’acquisizione di strumenti idonei a favorire una più efficace collaborazione tra i Servizi sanitari locali, gli operatori nell’area psico-sociale, il settore giuridico e le Forze dell’Ordine. La finalità principale dunque, è quella di fornire un contributo scientifico-esperienziale a quelle figure che vogliano acquisire competenze e strategie di intervento utili alla comprensione della criminogenesi e criminodinamica dell’evento devianza e criminalità giovanile.

L’intero percorso di Alta Formazione, che vedrà impegnati professionisti di varie aree disciplinari, ha la durata di 150 ore distribuite in dieci mesi, ripartite in 96 ore suddivise in due parti (di 48 ore), alle quali vanno aggiunte 54 ore di studio personale e preparazione di un elaborato finale, da concordare con i Tutor. Il Corso  ha ricevuto 25 Crediti Formativi dal Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali.

Ripartito in due macroaree tematiche, i corsiti potranno decidere di iscriversi all’intero percorso Formativo o solo a una delle due Parti. Nel primo caso verrà rilasciato un certificato di attestazione al Corso di Alta Formazione (di 150 ore); nel secondo un certificato di Formazione (I Parte di 80 ore; II Parte 70 ore). Tutti i percorsi prevedono la dissertazione finale di un Project Work. Entrambi i percorsi hanno ricevuto 13 Crediti Formativi dal Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali.

La modalità didattica utilizzata nel percorso formativo in oggetto, è multidisciplinare ed interattiva poiché propone il dialogo tra i diversi settori, attraverso la promozione di competenze integrate finalizzate a potenziare oltre al concetto di “prestazione” professionale, anche quello di competenza. Una formazione-esperienziale dunque, erogata non solo attraverso la narrazione di contenuti teorici, ma in un clima di scambio interattivo che consente l’applicabilità concreta delle teorie esposte. Si propone dunque, un percorso didattico individualizzato, integrato dalla parte esperienziale, che crea ed utilizza una trasversalità delle informazioni e dei diversi saperi mediato da un sistema di apprendimento basato sulle risorse, competenze e professionalità acquisite in anni di esperienza da esperti del settore.

I titoli richiesti per l’ammissione alla selezione sono: laurea di I o II livello in Giurisprudenza; Psicologia; Sociologia; Pedagogia; Medicina; Assistente sociale; Educatore. Gli appartenenti alle Forze dell’Ordine avranno diritto alla iscrizione al corso indipendentemente dal loro percorso di studi, rientrando questo ultimo nell’ottica istituzionale di utilità sociale, e quindi di Formazione Attiva di coloro che sono preposti a operare per la tutela della collettività. Gli studenti universitari iscritti alla laura di I livello, delle classi di laurea sopraindicate, potranno accedere alla sola Prima Parte del Corso (di 80 ore).

 Sono stati richiesti gli ECM alla Regione Toscana. Si ricorda che ai sensi del punto n.7 dell’Accordo tra il Ministro della Salute e le Regioni del 13 marzo 2003 “I crediti ECM maturati dai singoli professionisti nell’ambito delle iniziative di formazione continua accreditate dalle Regioni sono riconosciuti su tutto il territorio nazionale”.

Il Corso ha ricevuto il Patrocinio della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Camerino.

Le iscrizioni, entro il 7 gennaio, si potranno effettuare attraverso la scheda di iscrizione allegata, seguendo le istruzioni contenute al suo interno.

Per chi è già nostro corsista è previsto uno sconto del 10%.

Per inviare la scheda di iscrizione al corso vai qui.

[si consiglia di inoltrare la scheda ad almeno n. 2 indirizzi di posta elettronica]

Corso “Mediatore Professionista”

Mediatore Professionista L’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici e la Gef Consulting, Ente di Formazione abilitato a svolgere l’attività di formazione in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione, iscritto al n. 63 dell’Elenco degli Enti di Formazione istituito e tenuto ai sensi di legge dal Ministero della Giustizia, in collaborazione con la Concilium Italia, Organismo di Conciliazione abilitato a svolgere attività di mediazione, iscritto al n. 69 del Registro degli Organismi di Conciliazione istituito e tenuto ai sensi di legge dal medesimo Ministero, terranno a Empoli, a decorrere dal prossimo 11 novembre, presso l’istituto “Misericordia di Empoli”, Via Cavour, 32 – Empoli, il primo Corso per Mediatori Professionisti.

 La durata complessiva del corso, in ossequio alle vigenti prescrizioni di legge, è di 50 ore, suddivise in n. 6 incontri: 11/12/13 novembre; 18/19/20 novembre.

Il corso in oggetto è a numero chiuso (max. 30 pers.) ed il costo complessivo è di € 800,00 IVA esente, ex DPR 26  Ottobre 1972 n. 663, art. 10, per ciascun partecipante. Ricordiamo che, essendo il corso organizzato in collaborazione con Concilium Italia, l’iscrizione all’Albo dei Conciliatori del predetto Organismo di Conciliazione di € 500,00, a richiesta dell’interessato, sarà GRATUITA, nonché il Conciliatore sarà esonerato per sempre dal pagamento della quota annuale di € 200,00.

Inoltre, ai sensi del recente Decreto Ministeriale n.145/2011 del 6 Luglio 2011, i partecipanti avranno la possibilità di partecipare gratuitamente, in forma di tirocinio assistito, ad almeno 20 casi di mediazione presso le vari Sede Secondarie della “Concilium Italia” presenti sul territorio nazionale. Si fa presente che il possesso di tale certificazione costituisce uno dei requisiti obbligatori previsti dall’attuale normativa per l’espletamento delle funzioni di mediatore.

Corso “Aggressività e Violenza Giovanile: psicopatologia e attività forense”

Aggressività e Violenza Nell’attuale panorama giuridico, il ruolo delle Scienze sociali forensi, è diventato un valido sostegno nei programmi di sensibilizzazione e prevenzione in tema di criminalità, devianza e abuso, così come i nuovi sviluppi teorico esperienziali sono un valido elemento da utilizzare nelle strategie di intervento psicologico, sociale, educativo e giuridico.
La finalità principale, dunque, è quella di fornire un contributo scientifico-esperienziale a quelle figure che vogliano acquisire competenze e strategie di intervento utili alla comprensione della criminogenesi e criminodinamica di agiti violenti e devianti che spesso si manifestano in reati e al possibile utilizzo nel contesto forense.

I titoli richiesti per l’ammissione alla selezione sono: laurea di I o II livello in Giurisprudenza; Psicologia; Sociologia; Pedagogia; Medicina; Assistente sociale; Educatore. Gli appartenenti alle Forze dell’Ordine avranno diritto alla iscrizione al corso indipendentemente dal loro percorso di studi, rientrando questo ultimo nell’ottica istituzionale di utilità sociale, e quindi di Formazione Attiva di coloro che sono preposti a operare per la tutela della collettività.

Seminario “Crime & Mass Media: quando il CRIMINE fa spettacolo”

Mass MediaSabato 4 giugno dalle ore 14.00 alle 19.00, presso l’Aula Magna di Palazzo Sora, Corso Vittorio Emanuele II, 217 – Roma, si svolgerà il Seminario dal Tema “Crime & Mass Media: quando il CRIMINE fa spettacolo”.

Il seminario intende fornire gli strumenti per poter analizzare il complesso rapporto che lega la criminologia e i mass media: la criminalità in TV tra adulazione e denunce; cinema e crimine all’italiana. Saranno presentati casi specifici che offriranno spunti di riflessione. Da Wanna Marchi a Alfredino Rampi, dalla banda della Magliana al caso Vallanzasca.

Da scaricare

Seminario “Duplice Omicidio e Violenza Sessuale Aggravata”

Duplice OmicidioNell’attuale panorama giuridico, la figura del criminologo, nonché quella dello psicologo forense, va pian piano assumendo un posto di rilevanza accanto alle investigazioni scientifiche proprie della criminalistica e la conoscenza ed i nuovi sviluppi delle scienze criminali e della criminologia assumono un ruolo di supporto sempre maggiore non soltanto alle investigazioni della Polizia Giudiziaria, ma anche nelle strategie difensive del contesto giudiziario.

Il ruolo della criminologia e delle scienze forensi, diventa quindi, un valido sostegno nella comprensione delle dinamiche di eventi criminosi, ma soprattutto un valido elemento da utilizzare nelle strategie di intervento giuridico.

Il seminario intende offrire una formazione-aggiornamento professionale agli operatori del settore giuridico ed’è rivolto in primis ad operatori del settore giudiziario, investigativo, penitenziario.

Da scaricare

Corso “Criminalità e Devianza Giovanile: aspetti giuridici e psico-sociali”

Il Corso di Formazione “Criminalità e Devianza Giovanile: aspetti giuridici e psico-sociali”, è volto a favorire, attraverso una preparazione interdisciplinare, l’acquisizione degli strumenti atti ad una sempre più efficace collaborazione tra i Servizi sanitari locali e socio-sanitari, gli operatori del diritto e le Forze dell’Ordine.

In particolar modo, il percorso formativo è finalizzato a individuare le principali fattispecie delittuose che si possono verificare, siano queste in ambito criminologico che clinico forense. Quali gli strumenti investigativi e processuali che trovano applicazione, nonché le implicazioni socio-culturali che possono investire i vari ambiti in cui le violenze si sviluppano e riproducono. Il Corso, che vedrà impegnati professionisti di varie aree disciplinari, ha la durata di sei mesi, ed è composto da un modulo formativo mensile di ore 8 (4+4), per un totale di 80 ore, suddivise in 48 ore di lezione frontale e interattiva e 32 di studio personale e preparazione di un elaborato finale, da concordare con i Tutordel Corso.

Il Corso ha ricevuto 50 ECM (cod. 1112010026837), per il personale sanitario (medici, infermieri, psicologi), e 22 CF (Crediti Formativi), dall’Ordine Professionale degli Assistenti Sociali della Regione Toscana. Si ricorda che ai sensi del punto n.7 dell’Accordo tra il Ministro della Salute e le Regioni del 13 marzo 2003 “I crediti ECM maturati dai singoli professionisti nell’ambito delle iniziative di formazione continua accreditate dalle Regioni sono riconosciuti su tutto il territorio nazionale”.

Corso “Il LogoEducator Esistenziale”

La Logoterapia si basa su un approccio terapeutico centrato sul significato. Fondata dallo psichiatra Viktor Emil Frankl, è stata definita la terza scuola viennese cronologicamente dopo la psicoanalisi freudiana e la psicologia individuale adleriana. Rispetto a questi due movimenti, nella Logoterapia, conosciuta anche come “analisi esistenziale”, si pone, come approccio psicoterapeutico, l’obiettivo primario di aiutare l’uomo a dare Senso della sua vita. Come ogni modello psicoterapeutico la Logoterapia ha una sua teoria antropologica l’Esistenzialismo, con il quale condivide il concetto di autodeterminazione. Essa non nega i condizionamenti dettati sia della società che dell’eredità genetica, ma punta sulla possibilità dell’uomo di porsi di fronte a tali condizionamenti in maniera attiva. Da questa premessa deriva il concetto basilare di responsabilità personale, ovvero la capacità dell’essere umano di rispondere, di dare significato a quanto gli viene quotidianamente richiesto dalla vita.

Il LogoCounseling unisce all’approccio logoterapico le proprietà operative del Counseling, determinando un Counseling Centrato sul Senso (CCS), dove al “centro” c’è la promozione della dignità dell’uomo e l’imprescindibile valore della vita.

Il Corso, “Il LogoEducator Esistenziale. Accompagnare l’uomo che soffre”, è rivolto a medici, psicologi, psicoterapeuti, operatori sanitari, operatori sociali, counselor, e a tutti quei professionisti che intendano, per migliorare la propria professione, acquisire competenze nell’ambito della Logoterapia e dell’Analisi Esistenziale di Victor Frankl. Le lezioni sono programmate una volta al mese nei giorni di Venerdì e Sabato, per un totale di 12 ore (4+8), sono previste lezioni frontali e interattive, esercitazioni individuali e dinamiche di gruppo e si articola in 7 moduli formativi per una durata complessiva di 84 ore, comprensive di supervisione.

L’Attestato di frequenza viene riconosciuto dal Registro degli Antropologi Clinici Esistenziali, nel livello di LogoEducator Esistenziale.

Il Corso verrà effettuato presso la “Villa S. Leonardo al Palco”, Via del Palco, 228 – Prato, con inizio il 12 febbraio 2010. Le iscrizioni si potranno effettuare, entro il 2 febbraio 2010.

Workshop “Psico-Oncologia”

La Psico-Oncologia è una disciplina specialistica che si occupa degli aspetti psicologici legati alle malattie oncologiche e approfondisce in particolare l’impatto psicologico e sociale della malattia sul paziente, la sua famiglia e l’équipe curante, il ruolo dei fattori psicologici nella prevenzione, nella diagnosi precoce e nella cura dei tumori.

Il Workshop si prefigge l’approfondimento del paradigma psicodinamico, che affronta ed elabora i vissuti e le difficoltà relazionali profonde della malattia oncologica attraverso l’acquisizione di un metodo creativo e dinamico, teso stimolare e sviluppare la capacità di individuare, di volta in volta, percorsi sempre nuovi ed alternativi indispensabili per la sopravvivenza interiore. Nel corso delle due giornate, verrà proposto l’approfondimento di due strumenti specifici: il “Balint-Group” e il “Social Dreaming”; strumenti psicodinamici-psicoanalitici alternativi, particolarmente efficaci nell’esplorazione e nell’elaborazione dei vissuti profondi propri, della società in generale e delle figure sanitarie in particolare. È rivolto a psicologi, medici, psicoterapeuti e operatori sanitari che entrano in contatto con la malattia oncologica e possono accedere anche studenti, tirocinanti, specializzandi e dottorandi, del settore.

Il Workshop è organizzato dall’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici in partnership con la Scuola di Formazione di Psicoterapia ad Indirizzo Dinamico, il Polo Universitario (Servizi didattici e scientifici per l’Università di Firenze, Città di Prato), la Società Europea Medici Psicoterapeutici e il Centro di Bioetica “Gianna Beretta Molla”, Prato.

Seminari “Due calci ad un pallone e… non solo!!!”

L’attività sportiva, per i ragazzi (e non solo), potenzialmente, possiede uno straordinario valore educativo. Valore che, sempre più spesso, sembra essere dimenticato. Per questo parlare di Sport, oggi, non sempre si ha un significato univoco; per esempio si può guardare alla Sport da un punto di vista economico-pubblicitario, che attualmente purtroppo sembra il più gettonato, o ci si può interrogare sul rapporto sport e sviluppo della personalità. Molto dipenderà dal modo in cui l’esperienza sportiva verrà vissuta dai ragazzi e da come questa punterà alla maturazione e alla crescita umana dei soggetti a cui si rivolge. Per questo coloro che si occupano di Sport, a vantaggio dei ragazzi, si assumono implicitamente compiti formativi molto più importanti e incisivi di quanto solitamente non si pensi.

I Seminari “Due calci ad un pallone e… non solo!!!”, sono promossi dal “Gruppo di Studio sugli Adolescenti” del Dipartimento di Pediatria “Cesare Cocchi” dell’Ospedale Meyer, in collaborazione con l’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici e il Museo del Calcio e avranno inizio il 16 febbraio, presso il Museo del Calcio di Coverciano (Fi), e vedranno impegnati professionisti di varie aree disciplinari. Sono rivolti ai docenti e agli alunni delle Scuole Medie Inferiori e Superiori e a quanti sono attivamente coinvolti in attività di supporto o ricerca in questo ambito di interesse. Lo scopo è quello di poter stabilire un confronto costruttivo su tematiche che vedono gli adolescenti quotidianamente coinvolti e di poter collaborare anche nell’ambito dell’attività scolastica.

Da scaricare

Seminari “E… se domani educassi Io!”

Il periodo dell’infanzia e dell’adolescenza, rappresentano le epoche della vita in cui si evidenzia maggiormente il processo della individuazione. Sia lo sviluppo cognitivo che quello affettivo, portano alla formazione di un individuo integrato al suo interno, distinto dall’ambiente che lo circonda e con esso ben armonizzato. È in pratica la nascita e la stabilizzazione del concetto di identità.

Risulta chiaro, in questo contesto, la funzione non solo didattica, ma educativa nel senso più ampio del termine, che il sistema scolastico può svolgere: stimolare una armoniosa integrazione di diverse funzioni (psicologiche, fisiche, sociali) in un organismo in evidente e rapidissimo sviluppo. Non bisogna scordarsi che proprio la scuola, dopo la famiglia, rappresenta, per lungo tempo, l’ambiente in cui il giovane cerca di adattarsi per la soddisfazione dei propri bisogni fondamentali. Da qui la scelta di offrire uno spunto di riflessione, un diverso modo di vivere e di affrontare alcuni problemi che interessano principalmente i ragazzi. Infatti, terminato il percorso dell’istruzione secondaria di primo grado, essi entrano in un contesto istituzionale e psicologico che li fa sentire “più grandi” e capaci di scelte personali, ma maggiormente sottoposti a pressioni e persuasioni, spesso nocive. Ma al di là del “dichiarato”, spesso l’agito dei ragazzi segnala richieste significative di attenzione, di ascolto che risponda senza evasività alle domande profonde della persona.

I seminari “E… se domani educassi Io!”, sono promossi dal “Gruppo di Studio sugli Adolescenti” del Dipartimento di Pediatria “Cesare Cocchi” dell’Ospedale Meyer, in collaborazione con l’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici e si svolgeranno, a partire dal 2 ottobre, presso l’Auditorium della Cassa di Risparmio di Firenze e si rivolgono ai docenti e agli alunni delle Scuole Medie Superiori e a quanti sono attivamente coinvolti in attività di supporto o ricerca in questo ambito di interesse. Lo scopo è quello di poter stabilire un confronto costruttivo su tematiche che vedono gli adolescenti quotidianamente coinvolti e di poter collaborare anche nell’ambito dell’attività scolastica.

Da scaricare

News

L’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici (O.N.A.P.), in collaborazione con i...
Il Progetto Bullo in Rete, progetto di prevenzione in tema di Bullismo/Cyberbu...
Il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, la Federazion...
La Famiglia si configura come fattore significativo del processo evolutivo di og...
Il Seminario “Fenomeni settari, strategie condizionanti, culti abusanti e tecn...
Il Comitato Pari Opportunità dell’Ordine degli Avvocati di Firenze ha organiz...
\r\nAll\'indomani dell\'approvazione della Proposta di Legge n. 3139-B recante \"Dis...
L\'Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici in partnership con il Comune di Lampo...
Il Corso Interdisciplinare di Aggiornamento Professionale Edu-Bullying (Avviso P...
\r\nIl progetto si inserisce in una attività più ampia, elaborata dall’Istitut...

Facebook

LOGIN