- Onap - https://www.onap-italia.org -

Menti in Ostaggio. Culti abusanti: un’emergenza nazionale

L’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici (O.N.A.P.), in partnership con il Gruppo Consiliare Regione Toscana “Toscana Sì a Sinistra” e in collaborazione con l’International Police Association, l’Associazione Italiana Giovani Avvocati, la Camera Minorile di Grosseto e l’Istituto per la Ricerca Scientifica in Psichiatria e Neuroscienze, ha organizzato il Convegno di Studi, dal titolo “Menti in Ostaggio. Culti abusanti: un’emergenza nazionale”.

Il Convegno, in continuità con il primo Convegno Menti in Ostaggio del 24 maggio 2003, ripropone il tema annoso e sempre attuale dei Culti abusanti.

L’evento vedrà impegnati professionisti di varie aree disciplinari, che affronteranno, in un ottica psico-sociale, il condizionamento all’interno di gruppi con leader fortemente manipolativi. Attraverso un analisi delle tecniche di reclutamento e di condizionamento mentale, autorevoli e qualificati relatori illustreranno il quadro umano, giuridico e psico/sociale nella comune consapevolezza che, su questa materia, occorra assumere iniziative concrete e visibili, atte ad approfondire, informare e sensibilizzare l’opinione pubblica.

Il Convegno è patrocinato dall’Ordine degli Psicologi della Toscana, dalla Fondazione per la Formazione Forense dell’Ordine degli Avvocati di Firenze, dall’Unione Nazionale Camere Minorili e da AssoCounseling.

L’accesso sarà consentito, previa esibizione di valido documento di identità. Prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti, come previsto ai sensi della normativa di sicurezza. 

Iscrizioni

Obbligatoria per tutti l’iscrizione (gli avvocati anche ai fini dei Crediti Formativi) online all’evento tramite questo modulo [1].

In caso di impossibilità di partecipazione, si prega di disdire la Vostra prenotazione tramite mail: formazione@onap-italia.org  [2]

La partecipazione all’evento è gratuita e, su richiesta, verrà rilasciato l’Attestato di Partecipazione.

Da scaricare

 

Galleria Fotografica

(Credits: Filippo Barbero)